Top

Blog

Uso delle attrezzature di spegnimento: Manovre di incendio

Distesa di due tubi da 45 mm e lancia


Il servente che svolge i due tubi in successione, provvede a riavvolgerli in doppio, aiutato da un secondo servente.

 

Manovra d’incendio al piano terra con tre serventi (a secco)


Con partenza in prossimità dell’idrante, il primo servente stende il tubo da 70 mm e lo raccorda all’idrante. Resta così in attesa del comando per azionare l’idrante.
Il secondo servente si porta in prossimità dell’incendio tenendo in una mano il raccordo maschio da 70 mm e nell’altra un ripartitore da 70/45 a tre vie d’esodo che verrà raccordato al tubo (tutte le valvole chiuse). Il secondo servente staziona sul ripartitore per azionario.
Il terzo servente, valutato il possibile posizionamento del ripartitore, svolge il primo tubo da 45 mm, lancia il secondo tubo da 45 mm e dopo averlo raccordato lo stende. Infine raccorda la lancia.
E’ importante che lo stendimento avvenga senza che si formino spirali.
Alla richiesta dell’acqua il prima servente apre l’idrante e il secondo servente apre la valvola di alimentazione alla lancia.

 

 

Manovra d’incendio ai piani superiori con quattro serventi (a secco)


Stessa tecnica usata precedentemente per la manovra d’incendio al piano terra; in più:
il quarto servente si porta ai piani superiori con la fune a tracolla, la lascia cadere verso terra (svolgimento matasse), e dopo che il terzo servente ha legato la lancia con l’apposito nodo, issa la tubazione al piano e, utilizzando il tratto di fune a disposizione, applica sulla tubazione stessa un rompitratta a sostegno della colonna d’acqua.

Manovra d’incendio al piano terra (con acqua)


Usare la tecnica del tipo di intervento al piano terra chiarito in precedenza, utilizzando l’acqua.

 

 

[email protected]

Share
No Comments
Add Comment
Name*
Email*
Website