Top

Blog

DECRETO 18 ottobre 2019: Eliminazione o superamento delle barriere architettoniche per l’esodo all’aperto

Che cosa si intende per luogo sicuro?

Si considera luogo sicuro per l’attività almeno una delle seguenti soluzioni:

  • la pubblica via;
  • ogni altro spazio a cielo libero sicuramente collegato alla pubblica via in ogni condizione d’incendio, che non sia investito dai prodotti della combustione, in cui il massimo irraggiamento dovuto all’incendio sugli occupanti sia limitato a 2,5 kW/m2, in cui non vi sia pericolo di crolli, che sia idoneo a contenere gli occupanti che lo impiegano durante l’esodo.

Si ritengono soddisfatte le condizioni del comma 1, punto due applicando tutti i seguenti criteri:

  • la distanza di separazione che limita l’irraggiamento sugli occupanti è calcolata con i metodi previsti al capitolo S.3; tale distanza è da ritenersi cautelativa anche nei confronti dei prodotti della combustione;
  • qualora all’opera da costruzione sia attribuito livello di prestazione per la resistenza al fuoco inferiore a III (capitolo S.2), a meno di valutazioni più approfondite da parte del progettista, la distanza minima per evitare il pericolo di crollo è pari alla sua massima altezza;
  • la minima superficie lorda è calcolata tenendo in considerazione le superfici minime per occupante di tabella:

Il luogo sicuro dovrebbe essere contrassegnato con segnale UNI EN ISO 7010-E007, esemplificato in tabella:

 

Eliminazione o superamento delle barriere architettoniche per l’esodo all’aperto

È possibile impiegare come spazio calmo uno spazio a cielo libero con caratteristiche pari a quelle del luogo sicuro, chiaramente delimitato e contiguo ad una via d’esodo, a tal scopo esclusivamente destinato e facilmente raggiungibile dai soccorritori.

È possibile effettuare esodo orizzontale progressivo verso spazio a cielo libero con caratteristiche pari a quelle del luogo sicuro, chiaramente delimitato e contiguo ad una via d’esodo, a tal scopo esclusivamente destinato e facilmente raggiungibile dai soccorritori.

 

[email protected]

Share
No Comments
Add Comment
Name*
Email*
Website