Top

Blog

classificazione RTV pubblico spettacolo

Analizziamo insieme la nuova normativa antincendio per le attività di intrattenimento e di spettacolo a carattere pubblico [Parte 2]

Classificazioni

Ai fini della presente regola tecnica le attività sono classificate come segue:

in relazione al numero di occupanti n:

OA:  n ≤ 200;

OB: 200 < n ≤ 1000;

OC: 1000 < n ≤ 5000;

OD: 5000 < n ≤ 10000;

OE: n > 10000.

Nota Gli occupanti della classificazione sono riferibili al numero di spettatori o avventori, parametro utilizzato ai fini amministrativi o autorizzativi, in generale inferiore all’affollamento complessivo, che comprende anche il personale addetto.

in relazione alla quota dei piani h:

HA: -1 m ≤ h ≤ 6 m;

HB: -5 m ≤ h ≤ 12 m;

HC: -10 m ≤ h ≤ 24 m;

HD: tutti i casi non rientranti nella classificazione precedente.

Nota Per attività con quote di piano variabili, si considerano le quote di piano più sfavorevoli accessibili agli occupanti: minore per gli ambiti interrati, maggiore per gli  ambiti fuori terra. Ad esempio, per le tribune si considera la quota del livello più elevato a cui accede il pubblico

 

Le aree dell’attività sono classificate come segue:

TA1: ambiti accessibili al pubblico, con esclusione delle attività all’aperto

TA2: ambiti accessibili al pubblico delle attività all’aperto;

Nota  Le attività all’aperto sono definite al Capitolo G.1

 

TB: ambiti non aperti al pubblico, quali sale prove, camerini e simili,  di superficie > 100 m2;

Nota camerini e simili, se direttamente comunicanti con la scena, sono classificabili aree TK3

 

TC: ambiti non aperti al pubblico adibiti ad uffici e servizi, con caratteristica pre – valente degli occupanti δocc  di tipo A, di superficie > 200 m2;

TK1:  ambiti  dove  si  effettuano  lavorazioni  pericolose  ai  fini  dell’incendio  o

dell’esplosione, di superficie > 100 m2;

Nota  Ad esempio laboratori ed attrezzerie per le scenografie, …

 

TK2: scena di tipo separato;

TK3: area camerini e servizi comunicanti direttamente con la scena, di superficie complessiva > 50 m2;

Nota Ai fini della classificazione TK3 devono essere sommate le superfici dei camerini e dei locali servizi direttamente comunicanti con la scena, anche se posti distanziati e di singola superficie < 50 m2

 

TM1: depositi  con carico di incendio specifico qf > 600 MJ/m2, aventi  superfi-      cie > 200 m2;

TM2: depositi con carico di incendio specifico qf > 1200 MJ/m2;

TM3: depositi di servizio alla scena di superficie > 50 m2;

TT1: locali in cui siano presenti quantità significative di apparecchiature elettriche ed elettroniche, locali tecnici rilevanti ai fini della sicurezza antincendio;

Nota  Ad esempio CED, sala server, cabine elettriche, …

 

TT2: aree destinate alla ricarica di accumulatori elettrici di trazione;

Nota Ad esempio muletti, transpallet, macchine per la pulizia con uomo a bordo, …

 

TZ: altre aree non ricomprese nelle precedenti.

Nota  Ad esempio cabine  per la proiezione di film su supporto combustibile, …

 

Sono considerate aree a rischio specifico (Capitolo 1) almeno le seguenti aree:  TK1, TM2,TM3.

 

 

[email protected]

335 384310

Share
No Comments
Add Comment
Name*
Email*
Website